Archivi categoria: Scienza

Dal transumano al postumano

Elon Musk apre le porte al postumano…

A luglio di quest’anno la Food and Drug Administration ha concesso alla società Neuralink del miliardario Elon Reeve Musk, l’ideatore delle automobili elettriche Tesla, una “designazione rivoluzionaria” del suo dispositivo consentendo al progetto di avanzare ulteriormente nelle fasi di test.

Ma di cosa stiamo parlando? Elon Musk lo ha svelato al pubblico qualche giorno fa: un prototipo funzionante di Neuralink, un impianto cranico in grado di comunicare con le cellule cerebrali.

Continue reading

Salute – Colesterolo: il senso biologico

Oggi ci occuperemo di un grasso importantissimo per il benessere dell’uomo. Un grasso che nel giro di pochi decenni è stato trasformato nel più infimo e pericoloso fattore di rischio cardiovascolare.

Mi riferisco al colesterolo: la vacca grassa molto sacra per le industrie farmaceutiche.

Ma andiamo per ordine. Tutto ebbe inizio a metà del secolo scorso, quando venne condotto lo Studio Framingham (1948) sicuramente il più grande ed articolato studio epidemiologico di popolazione in ambito di rischio cardiovascolare mai realizzato.
Il nome è dato dalla città del New England negli Stati Uniti e lo studio avrebbe scoperto la relazione tra colesterolo elevato e rischio di infarto e ictus: ogni incremento dell’1% della colesterolemia è associato ad un aumento di incidenza di cardiopatia ischemica del 2-3%. Messi giù così questi dati non dicono molto, ma forse con un esempio la follia sarà più evidente.

Continue reading

Fisiologia della paura

Viviamo in una società finta e illusoria dove quello che crediamo essere modernità ed evoluzione ci sta portando lentamente alla tomba. Mai come oggi infatti le persone soffrono dei più svariati disturbi, da quelli mentali a quelli fisici. Per quale motivo siamo sempre più malati e carichi di disagi?

Forse perché il nostro ambiente è tossico? Mangiamo, beviamo e respiriamo sostanze chimiche, per non parlare della tossicità emotiva che iniziamo a conoscere ancor prima di uscire dal grembo materno…

Queste condizioni forse creano una sorta di vulnerabilità fisico/spirituale che predispone e favorisce da una parte l’avvelenamento organico e dall’altra gli shock emozionali?

Nel nostro opulento Occidente il cibo non manca, come pure il lavoro; l’informazione è sempre più pervasiva, abbiamo a disposizione centinaia di farmaci ed esami (diagnostici) eppure la gente si ammala molto più di prima: come mai?

Per caso c’entra qualcosa la PAURA?

Continue reading

I falsari della scienza

I promotori della SCIENZA, quella con la ESSE maiuscola o cikappiana per intendersi, stanno ultimamente passando notti assai movimentate e non certo per il caldo africano o le zanzare.

Difficile è pure immaginare la situazione emotiva di quei quattro poveretti che hanno firmato il ridicolo “Patto trasversale per la Scienza”, perdendo tempo e denari per costituire un’associazione (senza scopo di lucro) ma la cui missione è – pensate – la «promozione e la diffusione della scienza e del metodo scientifico sperimentale in Italia al fine di superare ogni ostacolo e/o azione che generi disinformazione su temi scientifici».
Sono così convinti che lo hanno scritto nello statuto associativo: “Scienza e Metodo Scientifico”, avete letto bene? Il riferimento è alla cosiddetta “Scienza basata sulle evidenze”. Continue reading

Da Greta all’ambietalismo malthusiano

Greta e l’ambientalismo malthusiano
Da mesi i media mainstream hanno acceso e puntato i riflettori su una sconosciuta ragazzina svedese, spuntata letteralmente dal nulla.

Nessuno l’aveva mai vista. Di punto in bianco, esce dal cilindro, viene invitata a parlare al vertice sul clima delle Nazioni Unite e poi al Forum di Davos, oggi addirittura è stata candidata al Premio Nobel.

Tutte cose normali per una qualsiasi ragazza di 16 anni, vero? Continue reading

Effervescienza 120 - Pericoli in rete

Pericoli in rete

Internet è strumento molto importante e utile, se usato correttamente. Quando però lo strumento da mezzo diventa il fine, allora gli effetti collaterali possono essere allucinanti.

I principali rischi per gli internauti, per così dire non “scafati”, vanno dal cyberbullismo all’adescamento on-line, alla pornografia e pedopornografia, alla dipendenza vera e propria da internet, ai messaggi a sfondo sessuale (sexting), a quelli offensivi e minacciosi, alle richieste di sesso online. Per non parlare di tutto il mondo delle fake news, o della privacy che letteralmente sparisce quando ci colleghiamo alla rete con un computer… Continue reading

Le neuroscienze riabilitano Hamer? - Effervescienza 118 Aprile 2018

PTSD: Le neuroscienze riabilitano Hammer?

I risultati di una recente ricerca italiana pubblicata l’8 gennaio 2019 sul “Journal of Neuroscience Research” (J Neuro Res. 2019;1-11) sono estremamente interessanti e confermano in pieno (anche se nessuno lo dice) le “Leggi biologiche” codificate dal compianto dottor G. R. Hamer.

Oggi è pura eresia nominare pubblicamente il medico, e infatti chi ha il coraggio di parlare delle scoperte rivoluzionarie del medico e teologo tedesco, finisce per essere messo alla gogna mediatica e se è un medico, radiato…

Lo studio ha preso in esame 84 persone alle quali è stato diagnosticato il PTSD, cioè il Disturbo Post-Traumatico da Stress.

Continue reading

Effervescienza n° 116 Uccide più la paura della malattia

La paura uccide piu’ della malattia

Se non capiamo le immagini dell’inconscio o rifiutiamo la responsabilità morale che abbiamo nei loro confronti vivremo una vita dolorosa» C.G. Jung

La paura è una emozione importantissima che ci avverte di un pericolo.

In Natura la sua funzione è basilare perché, avvertendoci di una situazione rischiosa dà l’opportunità per sopravvivere.

Agli animali però, una volta superato il pericolo, dopo aver lottato o essere fuggiti, la paura non serve più, nell’uomo invece avviene qualcosa di paradossale. L’uomo infatti respira e trasuda paura da ogni mitocondrio cellulare 24 ore su 24.

I “pericoli” non sono le belve feroci della foresta ma semplici pensieri originati dal cervello: paura dei virus, delle malattie, anche la semplice guida dell’auto può diventare fonte di tensioni; per non parlare del lavoro, del terribile titolare, degli esami a scuola o degli esami in ospedale.
Proprio questi ultimi saranno il tema del presente lavoro.

Per il cervello umano pensare e immaginare una situazione o viverla realmente è la medesima cosa. Quindi la paura reale o immaginaria attiva nell’encefalo le aree corrispondenti all’attacco o alla fuga, con cascate ematiche di adrenalina, cortisolo, glucosio e ormoni vari, come l’antidiuretico Adh. Continue reading

Big Pharma domina la ricerca

Non è certo una notizia dire che Big Pharma domina la ricerca medica globale, anche perché avendo 70 miliardi di dollari da spendere ogni anno per trovare nuovi prodotti, è abbastanza semplice.

La vera notizia è che per influenzare medici e consumatori, le società dispongono di somme molto maggiori ogni anno.

In base al quadro proposto dalla dottoressa Marcia Angell (medico, già capo-editore della rivista “New England Journal of Medicine”) sulla spesa complessiva delle industrie farmaceutiche, la cifra destinata a marketing e amministrazione si aggira intorno ai 155 miliardi di dollari l’anno.

Continue reading

Vaccini l’esperimento ribelle di Leichester

Vaccini l’esperimento ribelle di Leichester

Era il marzo del 1885 e dopo un lungo rigido inverno la città manifatturiera di Leicester in Inghilterra si godeva una delle prime belle giornate di primavera.

A migliaia dalle zone limitrofe, dalle cittadine circostanti si sono riuniti in protesta contro ciò che sentivano come una legge ingiusta imposta dal loro governo britannico.

Sebbene la vaccinazione contro il vaiolo fosse in uso sin dal 1800, il governo non aveva introdotto alcun obbligo prima dei decreti del 1840 e del 1853.

La legge del 1853 mise in piedi l’apparato governativo per esigere che ogni bambino fosse vaccinato entro tre mesi dalla nascita. Attraverso una serie di leggi nel corso degli anni il governo britannico aveva, al tempo della protesta di Leicester, reso un crimine il rifiuto della vaccinazione antivaiolosa punibile con contravvenzioni o carcerazione. Continue reading