Archivi categoria: Uncategorized

La vita invisibile: il mondo dei microbi

Il mondo invisibile: la vita dei microbi

Con il termine microbi o microrganismi si intendono organismi non visibili ad occhio nudo, costituiti da una sola cellula, come i batteri, alcuni funghi, i lieviti, i protozoi, le alghe unicellulari, ecc. A torto talvolta sono inclusi nei microrganismi anche i virus, che in realtà non vanno considerati organismi in senso stretto, in quanto non sono costituiti da una cellula, ma solo da un acido nucleico (DNA o RNA) rivestito da proteine.

I microrganismi sono presenti sulla Terra con un numero elevatissimo di specie e di individui, ma la maggior parte dei microbi è costituita da batteri, organismi che sono riusciti a colonizzare ogni parte del nostro mondo.

I batteri sono gli organismi più antichi del Pianeta: esistono infatti da oltre tre miliardi e mezzo di anni e per alcuni miliardi di anni sono stati gli unici abitanti della Terra. Sono, come già detto, formati da una sola cellula, però molto differente da quella di ogni altro organismo attualmente vivente: sono cellule più piccole (circa un micron, cioè un millesimo di millimetro, contro una media di 20 micron delle cellule degli organismi superiori come noi o gli animali o le piante) e non possiedono significative strutture interne, a differenza delle cellule degli eucarioti (così sono chiamati gli organismi diversi dai batteri, perché dotati di un nucleo interno alla cellula ben visibile, dal greco eu, bene e karion, nucleo). Inoltre tutti i geni di un batterio sono contenuti in un solo cromosoma piuttosto piccolo (costituito, in un batterio comune del nostro intestino, come Escherichia coli, da 4,5 milioni di paia di nucleotidi, cioè le molecole che, come lettere di un alfabeto, permettono di trasportare l’informazione genetica), mentre negli eucarioti vi sono vari cromosomi, ognuno dei quali è associato a proteine (ad esempio nell’uomo i cromosomi sono 46, per un totale di 3,2 miliardi di paia di nucleotidi). Come conseguenza di queste ridotte dimensioni, Escherichia coli possiede circa 4.300 geni (limitandoci a quelli che codificano proteine) contro i 20-25 mila dell’uomo, che ha inoltre, in ogni cellula, molti altri geni con funzione regolatrice. Continue reading

effervescienza93 oscillazioni cellulari george lakhvoski

Oscillazioni cellulari

Nonostante sia completamente sconosciuto alla maggior parte delle persone, le sue intuizioni e le sue scoperte continuano a distanza di oltre 70 anni a circolare e a far discutere.

L’ ingegnere e biologo russo George Lakhovski (1869-1942) è stato indubbiamente un genio e come spesso accade alle personalità troppo evolute rispetto ai loro tempi, fu boicottato e lentamente cancellato dalla storia, al punto che Wikipedia (il dizionario elettronico gestito dall’ intelligence statunitense), lo definisce uno “pseudoscienziato”.

Forse è proprio per il fatto di essere tacciato di ciarlataneria dal Sistema che le sue intuizioni e le sue ricerche risultano molto interessanti e andrebbero conosciute e soprattutto applicate…

L’intento di questo articolo è di colmare questo vuoto. Continue reading

Effervescienza dicembre 2016

Max Bircher aveva ragione

Lugano – In primavera c’è un’innata propensione, una sentita esigenza di rinnovare il
proprio organismo, il desiderio di sole, aria, passeggiate e cibi freschi. In poche parole di salute, di benessere psicofisico. Non a caso le fiere del benessere si susseguono all’inizio della bella stagione in ogni dove. Un tempo, le Alpi svizzere erano il “paradiso della salute internazionale”. Terme, sanatori, cliniche erano situate in magnifiche località dove attingere tanta aria e acqua purissime. Gli stranieri amavano soggiornare tra la Svizzera interna e il Canton Ticino semplicemente per rigenerarsi oppure per curare le loro patologie, tanto che la Svizzera, a cavallo tra Ottocento e Novecento, era definita il “sanatorio d’Europa” per il corpo e l’anima. In questo scenario si muoveva un nostro connazionale assurto alla gloria nell’ambito della medicina alternativa e oggi citato e riproposto a livello mondiale, il medico zurighese Max Bircher Benner (1867 Aarau – 1939 Zurigo).

Considerato tra i più grandi terapisti mondiali di tutti i tempi, il dr. Bircher Benner (Benner è il cognome della moglie che egli aggiunse al suo), venne sminuito e ridicolizzato dai suoi colleghi: aveva idee semplici e chiare su come evitare o curare le malattie, ma troppo avanzate per poter essere digerite dai medici di allora (ma anche di oggi). Idee basate su stile di vita e alimentazione improntate alla salubrità. Idee che, nonostante le controversie con gli accademici tradizionalisti, gli valsero il riconoscimento di illustri personaggi affetti dai più svariati mali e da lui guariti. Ospiti del suo Sanatorio furono personalità come gli zar di Russia, i membri di famiglie reali europee, Hermann Hesse, Rainer Maria Rilke, Sir Stafford Cripps (Ministro di Affari Esteri di Churchill), Golda Meir e Thomas Mann. Secondo lui, non alle pillole occorre rivolgersi, ma a corretti comportamenti se si vuole preservare la propria salute. Famoso in tutto il mondo è il suo birchermuesli, un piatto a base di avena e frutta fresca. Continue reading

latte-e-salute_8

Latte & Salute

Non esiste al mondo un alimento più completo.

Il latte che sgorga dalle mammelle è da sempre raccomandato da medici e nutrizionisti per il soddisfacimento del fabbisogno proteico e soprattutto per l’apporto di minerali tra cui il calcio, fondamentale per far crescere e mantenere in salute la struttura ossea.

Fin qui nulla da eccepire se si trattasse del latte di donna e se le mammelle fossero di una bella mamma e non di una vacca tenuta gravida artificialmente.

Questa premessa è obbligatoria perché ancora oggi c’è chi confonde, vuoi per errore, vuoi per ignoranza, le due cose. Si confonde il latte materno, vero e unico nutrimento basilare per il sano e corretto sviluppo del neonato d’uomo, con il latte di vacca alimento perfetto e predisposto esclusivamente per la crescita rapidissima dei vitelli.

Continue reading

Effervescienza n.84 vitamina B12

Vitamina B12 e le sue carenze …

Una delle preoccupazioni maggiori di chi si avvicina a un’alimentazione vegetariana o vegana è essere carente di qualche vitamina o proteina o amminoacido.

Sembra quasi che chi decida di nutrirsi di cibi il più possibile naturali debba necessariamente andare incontro a indicibili deficit che lo condurranno presto a sicura malattia: una tra le più temibili carenze è certamente quella di B12.

Con estremo piacere vorrei comunicare che in realtà nessun cibo può naturalmente contenere vitamina B12, in quanto la B12 è una molecola prodotta da batteri, funghi e alghe. La stessa B12 presente nella carne animale deriva dall’integrazione artificiale di questa vitamina aggiunta nel loro cibo o dai batteri presenti nel terriccio dei vegetali di cui si nutrono.

Continue reading

effervescienza-microonde

Forno a microonde? No, grazie!

Per milioni di anni l’uomo ha usato il calore del fuoco per scaldarsi e per nutrirsi: la viva  fiamma nell’età preistorica era utilizzata per cuocere gli alimenti, fino a quando nel neolitico venne scoperta la terracotta, con la costruzione dei primi contenitori ermetici e l’inizio della bollitura.
Egizi e Greci continuarono a cuocere alla brace o in acqua bollente.
Nel 1680 il chimico francese Denis Papin inventa la prima pentola a pressione, e nel 1830 James Sharp progetta la prima cucina a gas.
Abbiamo usato la legna per milioni di anni, il gas per quasi due secoli, ma nel giro di pochi anni siamo passati da una cottura naturale ad una innaturale basata su radiazioni elettromagnetiche.
E tutto quello che ha una evoluzione troppo rapida può essere molto pericoloso…
Continue reading