Biografia

furio-stella-effervescienza-com

Giornalista, nato nel 1957 a Trieste. Ha lavorato a “Il Mattino di Padova”, di cui è stato vicecaposervizio del settore Sport, dal 1978 al 2013. Inviato del gruppo l’Espresso ai Mondiali di calcio 1990, ha collaborato con la Rai, “La Stampa” e “Il Giorno”. Ha lavorato anche a “Il Centro di Pescara” e a “L’Alto Adige di Bolzano”. Nel 1995 ha fondato l’edizione italiana di “Nexus” di cui è stato direttore fino al 2004. Dal 2008 si è occupato di “Effervescienza”, l’inserto scientifico del mensile “Biolcalenda”.

Ha pubblicato la raccolta di racconti La casa dei molini a vento (Edizioni Andromeda, 2008) e il romanzo Il cameriere di Rocco (Edizioni La Torre, 2012). Ha scritto in collaborazione anche due libri sul calcio Padova, La vecchia signora di provincia (con Gianadolfo Trivellato, Edizioni Tipopadova 1980) e Calcio Padova 1910-2010, un sogno lungo un secolo (a cura di Toni Grossi, Il Mattino di Padova 2010).

Ricordo di Marcello pamio

Domenica notte, 13 ottobre 2014, all’ospedale di Monselice (PD), Furio Stella ha deciso di varcare la soglia prima di tutti noi. Un amico, un grande uomo e intrepido Giornalista (35 anni di calcio e non solo…). Un vero e proprio libero pensatore.

Fondatore dell’edizione italiana di Nexus, e ideatore, assieme allo scrivente, di EfferveScienza, l’inserto mensile della rivista Biolcalenda.

Lo ha sempre fatto in vita e non poteva certo smentirsi all’ultimo momento. Furio infatti ha sempre primeggiato: per lui c’era solo il podio oppure niente!

Anche in questo caso ha voluto tastare il terreno dell’aldilà per primo, e questo solamente per avere l’esclusiva e vantarsi nei confronti di noi poveri umani rimasti ancora quaggiù legati al mondo materiale.

Me lo immagino nei mondi spirituali, con un pallone eterico in mano, mentre intrattiene angeli e arcangeli, spiegando loro le regole, quelle vere, del calcio serio, non di quel giochetto da femminucce miliardarie quale è diventato oggi. Su questo Furio non le risparmiava a nessuno. Così voglio ricordarlo!

Se qualcuno mi ha insegnato l’arte del giornalismo, questo è stato lui.

Grazie Furio di Cuore per tutto quello che ci hai lasciato…

A Carlotta tutto il mio affetto e il mio sostegno morale.

Marcello Pamio